Giffoni Film Festival 2016, tra Braccialetti Rossi e Jennifer Aniston

Nel lontano 1971 l’allora diciottenne Claudio Gubitosi ebbe l’idea di creare un evento cinematografico completamente dedicato ai giovani: fu così che nacque il Giffoni Film Festival. La peculiarità di questa rassegna, infatti, è che tanto i protagonisti, quanto i giurati, siano esclusivamente bambini e ragazzi provenienti da ogni parte d’Italia e del mondo. Per il primo decennio, però, la manifestazione rimase più che altro una piccola realtà dal sapore tutto italiano. Ma gli anni ottanta segnarono un punto di svolta nella vita del Festival, nel 1982,  dopo avere trascorso tre giorni a Giffoni, l'immenso Francois Truffaut scrisse una lettera di ringraziamento con queste parole: “Di tutti i festival del cinema, quello di Giffoni è il più necessario”. Grazie a quella dichiarazione qualcosa cambiò, e il GFF spiccò il volo verso l’internazionalità.

Da allora di strada la kermesse campana ne ha fatta tanta, e il merito che gli va riconosciuto è senza dubbio quello di aver portato all’attenzione del pubblico, dei media, e degli amanti del cinema, un genere solitamente poco apprezzato, e ingiustamente considerato marginale. Inoltre, la grande cura con cui vengono selezionate le opere prescelte, film che toccano temi delicati e formativi, rivela l’ottimo lavoro svolto per poter presentare un programma sempre più interessante ed innovativo. Molti ospiti illustri hanno calcato le scene del GFF, oltre al già citato Truffaut ricordiamo Abbas Kiarostami (deceduto, purtroppo, pochi giorni fa, il 4 Luglio) Oliver Stone, Robert De Niro, Meryl Streep, Roman Polanski, Jeremy Irons, Winona Rider, Naomi Watts, e nel 2015 Martin Freeman e Mark Ruffolo.  

Gubitosi, che nonostante i tanti anni di direzione artistica sembra non abbia perso il suo entusiasmo iniziale, presentando la 46esima edizione della rassegna filmica - che si terrà dal 15 al 24 Luglio a Giffoni Valle Piana, in provincia di Salerno – dinnanzi ad una platea gremita ha raccontato le novità del Giffoni Experience (così denominato a partire dal 2009): “ Dopo gli annunci di questi ultimi due anni, i percorsi compiuti, perfino i ragionamenti fatti a più livelli nelle Università, nei Master, nei convegni e quindi vis a vis, per spiegare, dare una forma al concetto di “nuovo”, finalmente ci siamo. Posso dire adesso che la prima immensa storia del Giffoni Fil Festival è archiviata con orgoglio. Quarantacinque anni vissuti, dedicati, spesi ed investiti nelle varie e complesse attività che hanno reso forma e sostanza a Giffoni in Italia e nel mondo. La voglia di nuove scoperte ed iniziative ha creato nuovi itinerari. Questo 2016 è un anno intenso che farà rinascere il Festival. Mai tanto spazio nei precedenti programmi è stato riservato alle sezioni, alle selezioni dei film, alle migliaia di ragazzi che aspirano a diventare giurati e a continuare ad esserlo, alle anteprime, ai talenti che con felicità concorrono alla loro formazione. Quest’ anno, ancor di più, sosteniamo le famiglie. Per loro ci saranno i giochi, i laboratori, il multimediale, la festa da vivere insieme, la musica. Programmi sempre più forti ed intensi.

Destinazione”, questo il tema prescelto, perché come afferma l’art director: “Si viaggia per mettersi in discussione, e dunque per crescere e conoscere meglio se stessi. La meta del viaggio ne costituisce il motore, e noi di Giffoni siamo pronti ad accompagnare i ragazzi in questo bellissimo viaggio. Saremo con loro ad ammirare i film, a discuterne insieme, perché la condivisione è necessaria nel viaggio, nessun eroe viaggia da solo, anche quando, di fatto lo è”.

Le giurie, formate da 4150 giovani provenienti da 51 Paesi, sono divise per fasce d’età nelle sei sezioni del concorso ufficiale: elements +3 (3-5 anni), elements +6 (6-9 anni), elements +10 (10-12 anni), generator +13 (13-15 anni), generator +16 (16-17 anni), generator +18. I ragazzi, che visioneranno le 105 opere in competizione, avranno poi la possibilità di discuterne tra loro sotto l’occhio vigile dello staff giffoniano: una sorprendente esperienza di vita fondata sull’amicizia e sulla condivisione. Non stupisce, dunque, sapere da Gubitosi che le richieste di partecipazione al Giffoni 2016 abbiano raggiunto cifre da record: diecimila domande di accredito! Ma i numeri quest’anno sono veramente da capogiro, 18 tra artisti solisti e Band per 10 eventi musicali, oltre 250 spettacoli gratuiti tra laboratori, teatro, ballerini e giocolieri, 20 incontri dedicati all’innovazione digitale.

Il 15 Luglio ad aprire il Giffoni Film Festival sarà Il nuovo film d'animazione Disney-Pixar Alla Ricerca di Dory, ma tre giorni prima, presso l’ospedale Bambin Gesù di Roma, Lino Banfi festeggerà i suoi ottant’anni insieme agli organizzatori del GFF, portando così un sorriso sui volti di  quei tanti bambini costretti al ricovero. Per rimanere in tema, Gubitosi aggiunge che: “La giornata di chiusura, quella del 24 Luglio, sarà dedicata alla terza serie di Braccialetti Rossi, verrà infatti proiettata la prima puntata della fortunata serie che andrà in onda ad Ottobre. La grande festa di fine Festival, inoltre, avrà come protagonista la Band di Braccialetti Rossi che allieterà la serata dei tanti partecipanti”.  Non verranno però accontentati solamente i fan di Leo, Vale, Cris e Toni, perché gli ospiti di questo 2016 saranno numerosi, passando da MIRIAM LEONE, ANTONIA LISKOVA, GABRIELE MAINETTI, MANETTI BROS, LUCA MARINELLI, VALERIO MASTANDREA, RICKY MEMPHIS, GIAMPAOLO MORELLI, GABRIELLA PESSION, ELENA RADONICICH, CLAUDIO SANTAMARIA, CLAUDIO CUPELLINI, IVAN COTRONEO, e tanti altri ancora, fino ad arrivare alla guest star più attesa, l’attrice californiana JENNIFER ANISTON, alla quale si aggiungeranno SAM CLAFLIN, NICHOLAS HOULT, e MIKA. Anche la musica avrà un ruolo importante, e il sound partenopeo risuonerà nelle piazze giffonesi con artisti del calibro di James Senese, Enzo Avitabile, Eugenio Bennato, Enzo Gragnaniello e gli Almamegretta.

Le anteprime cinematografiche da non perdere sono quattro: Ghostbusters il 16, New York Academy il 18, Io Prima di Te il 21, e Fungus the Bogeyman il 23.

In conclusione, la passione di Claudio Gubitosi e il duro lavoro del suo Dream Team offriranno agli spettatori un programma davvero vasto, una ghiotta occasione per vivere e condividere momenti indimenticabili. A tal proposito le parole di uno dei giurati dell’edizione passata sembrano perfette per chiudere questa presentazione: “Aspetto il Giffoni Film Festival più del Natale, dove mia nonna mi regala sempre 50 euro”. Come dargli torto?